ARCHITECTURE OF THE UNIVERSE – Parallel Void (BOTM 11/11)

Articolo di Luca Marchetti pubblicato il 1/11/2011
 

Gli AOTU sono una band post-rock fiorentina nata dalle ceneri degli Akira Is, band che a differenza della presente presentava un metalcore di alto impatto. Il frontman della band Lorenzo Guazzini posa definitivamente il microfono a lui tanto caro per anni e abbraccia il basso per questo progetto molto sperimentale ed emotivo che non ha bisogno di avere delle liriche in quanto la musica proposta ha una storia a se e ciò si sa ormai è sempre più raro. Parallel Void è il primo EP autoprodotto dalla band che nel corso delle sue cinque tracce catapulta l’ascoltatore in un altro universo costellato di calma e rabbia al tempo stesso. Uniche pecche di un lavoro quasi perfetto sono che le tracce sarebbero potute esser registrate in qualità molto migliore (ma il suono grezzo ha un suo fascino alla fine della fiera) e sopratutto che avrebbero dovuto tentare di rendere il lavoro molto più un concept di quanto non già lo sia, magari unendo meglio le canzoni fra loroo addirittura facendo continuare le canzoni fra loro (infatti lo stacco fra le tracce un po’ si sente e il lavoro ne risente). Strumentalmente il lavoro da molto spazio alla dinamica, limitando al minimo però l’originalità del basso in confronto agli altri strumenti mettendo lo strumento cosi in secondo piano rispetto al lavoro di chitarre e batteria. Le tracce che meritano la lode sono senz’altro “Brand New Morning (6AM)” che inizia cullando l’ascoltatore verso una seconda parte della canzone decisamente più ritmata, e la titletrack “Parallel Void” che chiude come un dissonante arrivederci l’EP. Band promossa a pieni voti, lavoro di alta caratura di cui si consiglia l’ascolto in solitudine, magari in macchina dopo una stressante giornata di lavoro.

(Autoprodotto – 2011)

WEBSITE
www.facebook.com/ArchitectureOfTheUniverseBand

Commenta l'articolo:

Switch to our mobile site